Tutti gli articoli di Luca Ferretti

BIO Leaders

venerdì 16 Febbraio 2018 ore 14:00

Il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia è lieto di invitarLa per un pomeriggio da ricercatore, nel quale vorremmo condividere con Lei l’emozione di fare scienza.
Apriremo le porte dei nostri laboratori per renderLa partecipe della scienza come momento comunicativo condiviso e alla portata di tutti. Le faremo toccare con mano l’affascinante mondo della scienza che viviamo quotidianamente nei laboratori dell’Università di Pavia. Condividerà con noi idee, speranze, emozioni, il rigore del lavoro dello scienziato, e anche difficoltà, ostacoli e sacrifici che affrontiamo. Scoprirà chi siamo, cosa facciamo e, conoscendoci, speriamo di trasmetterLe la nostra passione per la scienza. Fare scienza in Italia è una sfida che vorremmo vincere con Lei.

L’iniziativa BIO Leaders investire in conoSCIENZA

Comunicato Stampa

Bioleaders su UNIPV.news

La Provincia Pavese racconta l’evento BIO Leaders

Galleria fotografica (La Provincia Pavese)

 

READINg la newsletter del Servizio Ricerca e Terza Missione

​E’ uscito il primo numero della newsletter del nostro Servizio  Ricerca e Terza Missione. Questa la mail ricevuta dalla Dott.ssa Sofia Baggini:


Cari tutti, trasmetto  il primo numero di READINg , Research AnD Innovation  Newsletter  con cadenza bimestrale a cura del Servizio Ricerca e Terza Missione. All’interno di Reading vengono riportati  i bandi e tutte le opportunità  di finanziamento alla  Ricerca e all’ Innovazione  per area di interesse del trimestre successivo all’uscita. In caso di interesse a  qualche particolare bando vi invito a contattare il Servizio Ricerca e Terza missione  per avere maggiori dettagli ed indicazioni .  Sperando che la pubblicazione incontri il Vostro gradimento vi porgo i più cordiali saluti.

 

ITAS Gallini (Voghera, PV) 050218

5 febbraio 2018 presso il Laboratorio di Biologia Sperimentale (laboratorio didattico D1 e D2)

Classi 3 D GA e  e 4 A BA ITAS Carlo Gallini: 40 studenti
Insegnanti: Proff. Galbusieri, Crispino

Attività: Clonaggio molecolare di un frammento di PCR – Estrazione e taglio di DNA di E. coli con enzimi di restrizione

Clonaggio molecolare

E’ stata preparata una reazione di ligasi utilizzando un vettore plasmidico  e un inserto rappresentato da un DNA ribosomale di lievito (S. cerevisiae) amplificato mediante PCR. Il clonaggio molecolare oggetto dell’attività è stato l’occasione per spiegare il meccanismo dell’alfa-complementazione della beta-Galattosidasi nel ceppo di E. coli DH5alfa.

La miscela di ligasi è stata usata per trasformare cellule competenti del ceppo di E. coli DH5alfa su piastre di terreno per la selezione dei cloni ricombinati (selezione “blu/bianco”).

Estrazione e taglio di DNA di E. coli con enzimi di restrizione

Il DNA di E. coli è stato estratto da una minicoltura di cellule (1 ml per studente) con una procedura basata sulla lisi delle cellule e la purificazione del DNA su colonnine. Il DNA estratto ed eluito dalle colonnnine è stato digerito con EcoRI ed HinfI e i prodotti della digestione sono stati separati su gel di agarosio

 

 

 

Scolari Francesca

Ricercatore a tempo determinato  (RTD, tipo A) – BIO/05 Zoologia

Telefono: ++39 0382 986023
Fax:
Email: francesca.scolari@unipv.it
Orari di ricevimento: per appuntamento da concordare via mail

Insegnamenti a.a. 2017-2018

  • Biotecnologie degli insetti – 1 CFU Laurea Magistrale in Biotecnologie Avanzate


Curriculum
Pubblicazioni
Attività di ricerca: Genomica e biotecnologie degli insetti di importanza agraria e sanitaria

Sul concetto di razza umana

Riportiamo il testo della dichiarazione che l’AGI, Associazione Genetica Italiana (il cui Presidente è il nostro collega Prof. Antonio Torroni) ha rilasciato sull’argomento portato alla ribalta dalle affermazioni  di Attilio Fontana a Radio Padania nei giorni scorsi.

Il testo si può scaricare in formato PDF e si trova anche sul sito dell’AGI, http://www.associazionegeneticaitaliana.it/

DICHIARAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE GENETICA ITALIANA SUL CONCETTO DI RAZZA UMANA

Attilio Fontana, candidato del Centrodestra alle elezioni regionali in Lombardia, ha dichiarato a Radio Padania che “la razza bianca è a rischio”. Simili opinioni aveva espresso, nel luglio 2017, Patrizia Prestipino, della Direzione del Partito Democratico, invocando misure in difesa della razza italiana.

In seguito a queste prese di posizione, diversi soci dell’Associazione Genetica Italiana (AGI) sono stati interpellati, da stazioni radio e testate giornalistiche, per chiarire cosa ci dica oggi la genetica a proposito dell’esistenza o meno di razze umane. Abbiamo detto tutti più o meno le stesse cose, e cioè che:

  1. Nel linguaggio corrente, la parola razza è ambigua. Può indicare tanto l’intera umanità (Einstein, dichiarandosi di “razza umana”), quanto una famiglia (“l’ultimo della sua razza”), con tante sfumature intermedie. Ma anche in ambito scientifico il concetto non è privo di ambiguità. Secondo Ernst Mayr, popolazioni locali abbastanza diverse l’una dalle altre da poter essere distinte rappresentano diverse razze o sottospecie (In Systematics and the Origin of Species, 3rd edn, Columbia University Press, New York, 1947, 98-106). Resta così aperto il problema di decidere cosa significhi “abbastanza diverse”.
  2. In molte specie, l’analisi del DNA permette di attribuire con precisione un individuo di origine sconosciuta a una regione geografica precisa. In questo caso, alla popolazione di ciascuna regione viene attribuito lo status di razza; esempi sono lo scimpanzé, la lumaca dei Pirenei, e molte piante. Invece in altre specie, in particolare specie molto mobili di uccelli o pesci di mare, le popolazioni di diverse regioni non si distinguono fra loro, e quindi non formano razze biologiche.
  3. Nel cane, nel cavallo, e in molte specie domestiche di animali e piante, ci sono razze ben distinte. Non si tratta però del risultato di un’evoluzione naturale, ma di incroci controllati da parte di allevatori e coltivatori. In ogni caso, a livello di DNA, le differenze fra razze canine sono centinaia di volte più grandi di quelle fra persone di continenti diversi.
  4. Il primo motivo per escludere che nell’uomo esistano razze biologiche è storico: dal Settecento in poi sono stati proposti decine di cataloghi razziali umani, comprendenti da 2 a 200 razze, e ognuno in conflitto con tutti gli altri. Gli astronomi sono d’accordo su quali e quanti siano i pianeti del sistema solare, i chimici sono d’accordo su quali e quanti siano gli elementi. Come ha sottolineato Frank Livingstone (On the nonexistence of human races, Current Anthropology 3:279-281, 1962) che invece nessuno sappia dire quali e quante siano le razze umane dimostra che attraverso il concetto di razza non si riesce a comprendere la nostra diversità biologica.
  5. Il secondo motivo per escludere che nell’uomo esistano razze biologiche è genetico. Lo studio dei genomi dimostra che ciascuno di noi condivide con qualunque sconosciuto, di qualunque continente, il 99,9% del suo DNA. Non basta: quell’1 per mille di differenze è distribuito in modo tale che ciascuna popolazione ospita in media l’88% della variabilità dell’intera specie umane. In altre parole, individui di popolazioni anche lontane sono a volte molto più simili dei nostri vicini di casa. Ricordiamoci delle innumerevoli vite salvate ogni anno nel mondo dalle trasfusioni di sangue e dai trapianti di organi che coinvolgono anche persone di continenti diversi.Da normali cittadini, ci sembra però che il problema principale non stia nella maggiore o minore esattezza con cui si adopera il termine razza nel discorso pubblico, ma nel senso di queste esternazioni. L’articolo 3 della Costituzione stabilisce che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale, senza distinzione di razza (né di sesso, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali). Proporre iniziative in favore di questo o quel gruppo di cittadini individuati su base razziale, non solo non ha senso dal punto di vista biologico, ma soprattutto si pone in evidente contrasto con la Costituzione.

Associazione Genetica Italiana (http://www.associazionegeneticaitaliana.it/)

Per contatti: Prof. Antonio Torroni (Presidente AGI) – antonio.torroni@unipv.it

18 gennaio 2018

 

 

 

Istituto d’Istruzione Superiore Borghese-Faranda (Patti, ME)

24-25 gennaio 2018 presso il Laboratorio di Biologia Sperimentale (laboratorio didattico D2)

Classe 4a Istituto Tecnico Statale – indirizzo Chimica: 16 studenti
Insegnanti: Proff. Angela Rizzo e Claudia Bottino

L’attività prevede la preparazione di una reazione di ligasi utilizzando un vettore plasmidico  e un inserto rappresentato da un DNA ribosomale di lievito (Saccaromyces cerevisiae) amplificato mediante PCR. Il clonaggio molecolare oggetto dell’attività è l’occasione per spiegare il meccanismo dell’alfa-complementazione della beta-Galattosidasi nel ceppo di E. coli DH5alfa.

La miscela di ligasi viene poi usata per trasformare cellule competenti del ceppo di E. coli DH5alfa su piastre di terreno per la selezione dei cloni ricombinati (selezione “blu/bianco”).

Il giorno dopo si valutano i risultati della trasformazione e si estrae il DNA plasmidico da colonie bianche contenenti plasmidi ricombinanti (con inserto) e da colonie blu di controllo (plasmidi senza inserto). I due tipi di plasmidi vengono caricati su gel di agarosio per visualizzare la differenza di dimensioni.

 

 

 

Crowdfunding

Universitiamo è la piattaforma di crowdfunding dell’Università di Pavia

I progetti di crowdfunding del DBB (proposte e partecipazioni)

La cura in una cellula (Prof. Gerardo Biella)
DNA: un affare che scotta (Prof.ssa Ornella Pastoris)
Coltiviamo la memoria (Prof.ssa Paola Rossi)
La felicità non ha peso (Prof.ssa Maria Grazia Bottone)
Tubercolosi: un killer riemergente (Prof.ssa Giovanna Riccardi)
Lotta all’ultimo sangue contro la zanzara tigre (Prof.ssa Anna Rodolfa Malacrida)

Scienziati in prova – European Biotech Week 2017

Il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Spallanzani” dell’ Università di Pavia
vi invita a trasformarvi per due ore in
Scienziati in prova
Attività pratiche sulle ricerche nel campo delle biotecnologie e riflessioni sul loro impatto nella società e nella vita quotidiana.

Venerdì 29 settembre a Pavia, presso i Laboratori Didattici di Biologia Sperimentale
via Ferrata 9 (Nave)
Orario: 10-12; 14-16; 16-18

Locandina

AVVISO PER GLI STUDENTI IMMATRICOLATI AL 1° ANNO DI BIOTECNOLOGIE

Gli studenti che non hanno superato o sostenuto la prova di verifica delle conoscenze sono tenuti a seguire una apposita sessione di attività didattiche integrative di Matematica per colmare le carenze formative evidenziate dalla prova di valutazione.

Gli studenti interessati sono convocati

Mercoledi 4 Ottobre in aula A4 dalle 14:00 alle 16:00

 

LE ATTIVITA’ DI RECUPERO POSSONO ESSERE SEGUITE ANCHE DAGLI STUDENTI CHE HANNO SUPERATO LA PROVA DI VERIFICA DELLE CONOSCENZE

AVVISO PER GLI STUDENTI IMMATRICOLATI AL 1° ANNO DI SCIENZE BIOLOGICHE

Gli studenti che non hanno superato o sostenuto la prova di verifica delle conoscenze sono tenuti a seguire una apposita sessione di attività didattiche integrative di Matematica per colmare le carenze formative evidenziate dalla prova di valutazione.

Questo “precorso” di recupero si svolgerà nella prima settimana di lezione secondo il seguente calendario:

Corso A (Studenti con cognome da A a K)

AULA 1 – Nuovo Polo Didattico, via Ferrata 1

martedì 3 ottobre ore 14-17

mercoledì 4 ottobre ore 11-13

giovedì 5 ottobre ore 9-11 e ore 14-17

 

Corso B (Studenti con cognome da L a Z)

AULA 2 – Nuovo Polo Didattico, via Ferrata 1

martedì 3 ottobre ore 14-17

mercoledì 4 ottobre ore 9-11

giovedì 5 ottobre ore 9-11 e ore 14-17

 

SU BASE FACOLTATIVA, LE ATTIVITA’ DI RECUPERO POSSONO ESSERE SEGUITE ANCHE DAGLI STUDENTI CHE HANNO SUPERATO LA PROVA DI VERIFICA DELLE CONOSCENZE

Biofarmaci: certezze e sfide per la medicina del futuro

WORKSHOP

Dal farmaco tradizionale ai biofarmaci: certezze e sfide per la medicina del futuro

Evento organizzato da Associazione Farmaceutici Industria con la collaborazione del Dipartimento di Biologia e Biotecnologie e del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università di Pavia nel contesto della European Biotech Week
Lunedì, 25 settembre 2017
Collegio Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei
Via Abbiategrasso, 404 – 27100 Pavia

Locandina

Calendario Lauree 2017

SCIENZE BIOLOGICHE
MESEDOMANDALIBRETTOTESISEDUTALUOGO*PDF
Set 201622/8/162/9/16 9/9/16 28-29-30/9/162PDF
Ott 201620/9/1630/9/167/10/1619-20-21/10/16 PDF
Nov 201621/10/16 7/11/1611/11/1622-23/11/163PDF
Dic 201618/11/1628/11/162/12/16 15-16/12/16PDF
Gen 201720/12/1610/01/1716/01/1726-27/01/171PDF
Feb 2017 27/01/1708/02/1713/02/1722-23/02/171PDF
Mar 201724/02/1703/03/1711/03/1721 e 23/03/171PDF
Apr 201731/03/1707/04/1714/04/1726-27-28/04/17PDF
Giu 201726/05/1719/06/1721/06/1729/06/171PDF
Lug 2017 27/06/1707/07/1714/07/1726-27-28/07/171PDF
Set 201728/08/17
07/09/17 15/09/1726-27-28/09/171PDF
Ott 201725/09/1704/10/1716/10/1725-26-27/10/171PDF
Nov 201726/10/1706/11/1713/11/1723-24/11/171PDF
Dic 201717/11/1724/11/1704/12/1714-15/12/171PDF
BIOTECNOLOGIE
Set 201626/8/16 8/9/1619/9/1626-27/9/16 1PDF
Ott 201623/09/16 10/10/1617/10/16 24-25/10/163PDF
Dic 201614/11/161/12/165/12/1613/12/164PDF
Feb 2017 26/01/1710/02/1720/02/1728/02/171PDF
Apr 2017 20/03/1704/04/1712/04/1719-20/04/171PDF
Giu 201719/05/1706/06/1712/06/1720/06/171PDF
Lug 201714/06/1710/07/1717/07/1724-25/07/171PDF
Set 201722/08/1706/09/1714/09/1721-22/09/171PDF
Ott 2017 13/09/1710/10/17
17/10/1723-24/10/171PDF
Dic 201713/11/1728/11/1704/12/1711-12/12/171PDF
*Controllate il luogo riportato nella convocazione
1: Aula 1 - Nuovo Polo Didattico
2: Aula 2 - Nuovo Polo Didattico
3: Aula Jucci - Dip Biologia e Biotecnologie (edificio Botta 2)
4: Aula A4 - Dip. di Ingegneria- via Ferrata

biotec Insegn 17-18

Nota Bene: i corsi con moduli sono composti da più link; analogamente i corsi divisi in Corso A e Corso B (corsi del I anno) hanno link diversi

ANATOMIA E FISIOLOGIA UMANA – cod. 504264
BIOCHIMICA – cod. 500191
BIOCHIMICA CLINICA E LABORATORIO – cod. 502013
BIOLOGIA DELLA CELLULA ANIMALE E VEGETALE – Corso A – cod. 500795
BIOLOGIA DELLA CELLULA ANIMALE E VEGETALE – Corso B – cod. 500795
BIOLOGIA DELLO SVILUPPO E CELLULE STAMINALI – cod. 501965
BIOLOGIA MOLECOLARE – cod. 501950
BIOLOGIA MOLECOLARE VEGETALE E LABORATORIO – cod. 501980
BIOSTATISTICA E BIOINFORMATICA – cod. 501953
CHIMICA BIOINORGANICA E LABORATORIO – cod. 501979
CHIMICA BIOORGANICA E BIOANALITICA – cod. 501957
CHIMICA FARMACEUTICA ED ANALISI DEI FARMACI BIOTECNOLOGICI – cod. 505061
CHIMICA FISICA, TECNICHE STRUMENTALI (Mod. 1Mod. 2) – cod. 504267
CHIMICA GENERALE E INORGANICA E LABORATORIO – Corso A – cod. 500323
CHIMICA GENERALE E INORGANICA E LABORATORIO – Corso B – cod. 500323
CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO – Corso A – cod. 500177
CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO – Corso B – cod. 500177
COMPLEMENTI DI MATEMATICA PER L’INSEGNAMENTO – cod. 508266
ELEMENTI DI FARMACOTERAPIA – cod. 502022
ELEMENTI DI TECNOLOGIA FARMACEUTICA – cod. 504265
ENZIMOLOGIA GENERALE APPLICATA – cod. 501974
FARMACOLOGIA ED IMMUNOLOGIA – cod. 504118
FISICA SPERIMENTALE – Corso A – cod. 500185
FISICA SPERIMENTALE – Corso B – cod. 500185
GENETICA – Corso A – cod. 500799
GENETICA – Corso B – cod. 500799
GENETICA MEDICA – cod. 500195
GENETICA MOLECOLARE – cod. 501555
ISTOLOGIA E FISIOLOGIA GENERALE – cod. 502952
LABORATORIO INTEGRATO DI BIOLOGIA SPERIMENTALE (mod. 1 mod. 2mod. 3) – cod. 502038
LABORATORIO INTEGRATO DI BIOTECNOLOGIE MEDICHE E FARMACEUTICHE (mod. 1mod. 2mod. 3) – cod. 504266
LINGUA INGLESE – Corso A – cod. 500169
LINGUA INGLESE – Corso B – cod. 500169
MATEMATICA E STATISTICA – Corso A – cod. 508311
MATEMATICA E STATISTICA – Corso B – cod. 508311
METODOLOGIA DIAGNOSTICA IN MICROBIOLOGIA CLINICA – cod. 502026
METODOLOGIA DIAGNOSTICA MOLECOLARE – cod. 502027
MICROBIOLOGIA GENERALE E MEDICA – cod. 501944