Barbieri – Attività di ricerca

Studio della regolazione del metabolismo e della virulenza in Streptococcus agalactiae (Streptococcus di Gruppo B)

Il batterio Streptococcus agalactiae è una delle principali cause di infezioni neonatali invasive che si verificano nel primo trimestre di vita. Poiché questo batterio Gram-positivo vive come commensale nel tratto gastro-intestinale ed urogenitale del 30% degli individui sani, esso può essere trasmesso verticalmente da una madre che ne è portatrice al figlio durante la gravidanza o al momento del parto. Sebbene la somministrazione di antibiotico durante il parto a donne portatrici di GBS abbia ridotto l’incidenza delle infezioni acquisite verticalmente, tuttavia questo tipo di strategia non ha contribuito a ridurre l’incidenza di infezioni trasmesse orizzontalmente dopo la nascita. Queste compaiono tra i 7 e i 90 giorni di vita, si manifestano principalmente associate a meningite, causano mortalità nel 10% dei casi e sono responsabili gravi conseguenze a lungo termine nel 30% dei sopravvissuti.

Il progetto “Exploring the role of the transcriptional regulator CodY in the pathogenesis of neonatal Group B streptococcal meningitis”, finanziato con 250.000 euro da Fondazione Cariplo, si propone di studiare i meccanismi molecolari alla base della virulenza di Streptococcus agalactiae. In particolare, lo studio ha come oggetto l’analisi del ruolo del regolatore trascrizionale CodY. Nei batteri Gram-positivi, questa proteina è responsabile del controllo del metabolismo in funzione dello stato nutrizionale della cellula. In tutti i batteri patogeni in cui è stato descritto, CodY è inoltre responsabile della coordinazione del metabolismo con l’espressione dei geni legati alla virulenza.

Partendo dall’idea che la regolazione del metabolismo e l’espressione coordinata di geni metabolici e di virulenza sia importante per la patogenesi di Streptococcus agalactiae, l’obiettivo di questo progetto è studiare per la prima volta il ruolo di CodY nella regolazione genica e nella virulenza di Streptococcus agalactiae.

Collaboratori: Giampiero Pietrocola (Dipartimento di Medicina Molecolare, UniPV), Carmelo Biondo (Dipartimento di Patologia Umana dell’adulto e dell’età evolutiva, Università degli Studi di Messina)

Ulteriori informazioni: https://www.youtube.com/watch?v=uuxoTThhVU0&list=PLI2uNVw5doXLWPtl3tJNhp_kp3oRQ6KWJ